Pubblicato il Lascia un commento

Divulgata l’e-mail di Cicciogamer 89 | Lite con Emanuele Pingu

Le accuse di EMANUELE PINGU a CICCIOGAMER89: “Mi hai sfruttato” – ecco cosa è successo tra i due

Emanuele Pingu ha lanciato accuse a CiccioGamer89 per averlo sfruttato per le visualizzazioni ed è stata divulgata l’e-mail personale di Ciccio. Il ragazzo è molto risentito, vi raccontiamo cosa è accaduto.

Emanuele Pingu, il ragazzo del trend su TikTok “Vuoi farla ingelosirla?” e del “Bleksbebond“ questa mattina ha realizzato su TikTok una serie di video contro il collega del web CiccioGamer89, in cui appare parecchio risentito.

Nel primo video racconta che Ciccio lo ha contattato a fine anno scorso per fare un video basandosi sui suoi contenuti. Pingu, felicissimo (dato che è suo fan) ha acconsentito. Poi, sempre secondo la sua versione, i due avrebbero iniziato a seguirsi e a sentirsi. Salvo poi scoprire, stamattina, che il gamer gli ha levato il follow da tutti i socialEmanuele credeva fosse amicizia:

Questo video voglio farlo arrivare a CiccioGamer, perchè sono rimasto troppo deluso. Verso ottobre, novembre lui mi contatta e mi chiede se può fare un video dei Bleksbebond. Io con stima, onorato, gli dissi subito di sì. Mi andò a seguire sui social, fece il video, parlammo in privato. Vado a controllare stamattina: mi ha tolto il segui su Instagram e su TikTok. Non è per il segui, ci sono rimasto veramente male. Per lui non era amicizia, per me sì, ci sono rimasto veramente male. Ciccio, se stai guardando questo video, io non te lo tolgo il segui, però non ci si comporta così.

Poi il ragazzo ha continuato. A quanto pare, pensa che Ciccio segua qualcuno solo nel momento in cui porta contenuti interessanti, che possono fruttargli visual. Il tiktoker è ancora più deluso. Non concepirebbe un ragionamento del genere, ribadendo che in questo caso per lui era amicizia.

Tu segui una persona perchè in quel momento ti porta visual? Tu mi hai cercato, mi hai detto che ti faceva piacere vedermi, che eri lì. Per me si crea un’amicizia. Non accetto che dici che segui le persone perchè offrono contenuti che ti interessano in quel momento. Fin quando Emanuele Pingu ti ha dato visual, ti interessava e adesso non più?

Ed infine, Emanuele Pingu ha sbottato anche perché CiccioGamer89 lo ha bloccato.

Ragazzi, Cicciogamer mi ha bloccato. Che fai, al primo ostacolo scappi? Queste sono le classiche persone che ti sfruttano. Ciccio, rispondimi su Instagram. Forse ho sbagliato, perchè credo molto nell’amicizia. Mi hai dato la conferma che per te era solo per sfruttare il momento…Queste sono le persone che seguiamo!

Purtroppo, durante lo scambio tra i 2, Emanuele Pingu ha commesso il grave errore di divulgare tramite alcuni screen la mail privata di Cicciogamer, che ora, considerando l’elevatissimo volume di email ricevute, sarà costretto a cambiarla, nonostante questa fosse la sua email da quando era ragazzino.

https://www.pokemonstore.it 

 

Pubblicato il

Si ok ma fammi un beat – spopola su TikTok il nuovo trend

Amici di pokemonstore.it, il negozio di Carte Pokémon n. 1 in Italia, oggi vi spieghiamo cosa vuol dire il nuovo trend che sta spopolando su TikTok, ovvero lo Spam del commento “Si ok ma fammi un beat”.

Si ok ma fammi un beat – cosa significa? 

Nel giro di poche ore, i commenti di quasi tutti i video presenti su TikTok sono stati invasi dalla frase: “Si ok ma fammi un beat”. Ma da dove nasce?

Sarete forse delusi, o viceversa sollevati nel sapere che sostanzialmente non significa assolutamente nulla.

Come molti dei trend che nascoso sul noto social network infatti, anche questa nuova tendenza è nata assolutamente per caso.

Questa espressione ha avuto origine proprio nella sezione commenti della piattaforma cinese, in modo totalmente casuale. Sotto uno degli ultimi video della tiktoker e cantante Valeria Mancini, un ragazzo ha commentato: Si ok ma fammi un beat”, generando un’inaspettata e infinita reazione a catena di messaggi con questa frase. Nel giro di poche ore, in molti si sono imbattuti in questa citazione, senza saperne il significato. I più curiosi però, avranno trovato il video di @xCarme, artefice di questo trend. Nel TikTok in questione, il ragazzo ha spiegato com’è nata questa frase:

Sotto questo video ha commentato un mio amico, lui è un produttore. Al che io senza motivo ho scritto: “Si ok ma fammi un beat”. Non aveva senso quel commento. Tutte le persone hanno cominciato a scrivere questa frase sotto un commento, che ora a sua volta ha ricevuto altri 200 risposte uguali.

In un secondo momento, xCarme ha trovato il modo di realizzare quell’idea che di lì a poco sarebbe diventata virale, spiegandola passo dopo passo.

Ora voglio ricreare una cosa. Senza taggarmi, ogni TikTok che vedete lo commentate così, senza un motivo logico. C’è un TikTok che parla di qualsiasi cosa? Bene, scrivete: “Si ok ma fammi un beat”. Dobbiamo arrivare al punto che io apro un video e c’è un commento con 600 like con questa frase.

La prova di quanto questo suo lampo di genio abbia avuto successo la ritroviamo nelle sue Storie Instagram. Qui, ha pubblicato screen e messaggi dei creator che lo hanno contattato personalmente. Tra questi, oltre a Sofia Crisafulli, Jody Cecchetto, Iris Di Domenico e Valentina Clerici, troviamo anche il seguitissimo Khaby Lame. Insomma, tutto più chiaro ora?

A spiegarlo è stato lo stesso autore del primo commento andato virale in un video caricato su YouTube che riportiamo qui di seguito.

 

 

Ne consegue ovviamente che al momento, molti degli utenti che stanno spammando il commento sui vari profili, non conoscono minimamente il significato del trend e cosa c’è dietro e cioè nulla…

Visita il nostro sito www.pokemonstore.it e acquista i prodotti del Gioco di Carte Collezionabili più amato al Mondo.

Pubblicato il

Chi è Sergio Milesi: l’imprenditore che ha fatto chiudere tutte le sale LAN d’Italia

Dopo un esposto (ingiusto ed insensato) all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, sono state chiuse tutte le sale LAN d’Italia: ecco chi è Sergio Milesi ed il suo esposto

La settimana si avvia verso la sua conclusione con un vero e proprio terremoto che sta sconvolgendo il settore delle sale LAN, dei simulation center e dell’eSports in Italia.

Oggi 30 aprile i proprietari dei centri di simulazione e delle sale LAN ed eSports si sono risvegliati con le proprie attività sotto sequestro per volere dell’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli (ADM).

La decisione sarebbe stata presa dopo un esposto di un imprenditore, tale Sergio Milesi) che le ha accusate di fare concorrenza alle sale gioco d’azzardo tradizionali, senza nemmeno sapere la differenza tra Gioco d’Azzardo ed ESports.

I bersagli dell’esposto, nello specifico, sono tutti quei locali in cui è possibile giocare a pagamento senza poter tuttavia guadagnare dalla sessione di gioco, non costituendo quindi gioco d’azzardo, ma essendo paragonabili a delle “giostre”.

Questi locali, secondo l’accusa, utilizzerebbero computer, console e periferiche non omologate e quindi non controllate, a differenza delle macchine che invece vengono utilizzate nelle sale giochi tradizionali per il gioco d’azzardo, che necessitano di controlli e costi onerosi per poter essere impiegate.

A farsi promotori della divulgazione della notizia ci hanno pensato, tra gli altri, l’l’Esport Palace di Bergamo e PC Teklab Milano, che attraverso i propri canali social hanno testimoniato l’affissione dei sigilli sulle proprie apparecchiature da parte dell’ADM. Alla luce di ciò, dovranno rimanere chiuse fino a nuovo ordine.

L’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli fa chiarezza sulla situazione con la Circolare N. 14 del 26 aprile 2022, reperibile a questo indirizzo. L’ADM spiega che “la messa a disposizione a titolo gratuito in locali aperti al pubblico degli apparecchi di cui all’art. 110, comma 7, del TULPS non esime dall’obbligo di osservanza delle disposizioni vigenti e dal pagamento della relativa imposta”.

Dunque i titolari degli esercizi che hanno installato e messo a disposizione anche gratuitamente degli apparecchi senza vincita in denaro (inclusi quindi sale eSport, sale LAN e centri di simulazione) devono assicurarsi che siano:
sottoposti ad omologa/certificazione,
muniti di titoli autorizzatori,
soggetti al pagamento dell’Imposta sugli intrattenimenti (ISI).
La circolare spiega inoltre che il termine ultimo per la presentazione dell’istanza di rilascio/sostituzione del nulla osta per gli apparecchi era fissata per oggi 30 aprile, dunque tutti i proprietari che non hanno provveduto all’omologazione e/o certificazione dei loro apparecchi mediante il pagamento del titolo autorizzatorio sono incorsi nel sequestro delle proprie macchine. In altre parole, devono adeguarsi alle normative vigenti. Maggiori dettagli possono essere trovati nella Circolare N. 14 del 26 aprile 2022.

La questione incredibile è che in Italia si paragoni un simulatore di guida ad una Slot Machine e che dall’ADM si richieda un’omologazione di apparecchi che servono soltanto a giocare una partita di calcio senza premi in denaro o a fare una corsa con gli amici.

Pubblicato il

Stephen Curry Record – Supera Ray Allen per numero di triple segnate

Basket: Nba, Stephen Curry batte record canestri da 3 punti

La star dei Warriors supera lo storico primato di Ray Allen

Stephen Curry entra nella storia come il miglior realizzatore da tre punti nelle regular season della Nba.

La star dei Golden State Warriors ha battuto il record storico di Ray Allen, superando le sue 2973 triple segnate durante il primo quarto della partita contro i New York Knicks al Madison Square, che è esploso di entusiasmo.

Curry ha lanciato un urlo di gioia mentre i compagni lo celebravano, poi ha abbracciato il coach Steve Kerr – che si è impadronito del pallone del record – e il padre, ex playmaker in Nba.

 

 

Pubblicato il

Spider-Man No Way Home Streaming ITA

Informazioni sul Film: Spider-Man No way Home 2021 HD

Basato sull’omonimo personaggio della Marvel Comics, il film è co-prodotto da Columbia Pictures e Marvel Studios e distribuito da Sony Pictures. È il sequel di Spider-Man: Far from Home (2019) e il ventisettesimo film del Marvel Cinematic Universe (MCU). Scritto da Chris McKenna ed Erik Sommers, il film ha come protagonista Tom Holland, affiancato da Tobey Maguire, Andrew Garfield, Zendaya, Benedict Cumberbatch, Jacob Batalon, Jon Favreau, Marisa Tomei, J. B. Smoove, Martin Starr, Benedict Wong, Jamie Foxx, Alfred Molina, Willem Dafoe, Thomas Haden Church e Rhys Ifans.

Trama

In seguito agli eventi di Spider-Man: Far from Home, la vita di Peter Parker viene stravolta dopo che Mysterio rivela al mondo l’identità di Spider-Man. Peter chiede aiuto a Stephen Strange affinché usi la magia per far dimenticare a tutti che Peter Parker è Spider-Man, ma l’incantesimo non va come previsto e Peter si ritrova a dover affrontare nemici provenienti da altri universi e a scoprire cosa significa davvero essere Spider-Man.

Dove Vederlo

Al momento è uscito solamente al cinema, ma in futuro potrebbe arrivare anche sulla piattaforma Disney +